Giornale dei Navigli > Cronaca > Spacciano cocaina rosa durante la settimana della moda: arrestati
Cronaca Naviglio grande -

Spacciano cocaina rosa durante la settimana della moda: arrestati

La cocaina rosa era molto richiesta durante la settimana della moda: una droga costosa con effetti più potenti della cocaina bianca. 

cocaina rosa

Spacciano cocaina rosa durante la settimana della moda: arrestati.

Spacciano cocaina rosa durante la settimana della moda: arrestati

MILANO –Dovranno rispondere del reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanza stupefacente un cittadino brasiliano di 33 anni e uno italiano di 36, arrestati dagli agenti del Commissariato Centro.

Cosa hanno trovato gli investigatori

Gli investigatori, attraverso un’attività di indagine, sono risaliti a un appartamento in via Pacini dove abitavano i due arrestati e hanno trovato 8 grammi di cocaina, 18 grammi di 2CB (la cocaina rosa), 314 pasticche di md (88 grammi in totale), 35 grammi di ketamina, 40 grammi di hashish, 227 grammi di marijuana, oltre a due bilancini, materiale da taglio e da confezionamento e circa 3mila euro, ritenuti il guadagno dell’attività di spaccio. È stata trovata e sequestrata anche una pistola scacciacani priva di tappo rosso di sicurezza e 47 cartucce. Il cittadino brasiliano, inoltre, aveva a suo carico anche un ordine di esecuzione in quanto doveva scontare 11 mesi di carcere per reati sempre connessi allo spaccio di droga.

La cocaina rosa

Secondo gli arrestati, la cocaina rosa era molto richiesta da numerosi clienti durante la settimana della moda: una droga costosa (circa 400 euro ogni 0,15 grammi), non facile da reperire, sintetizzata soprattutto nel Sud America e con effetti più potenti della cocaina bianca.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente