Giornale dei Navigli > Cronaca > Cocaina nascosta nel tettuccio dell’auto: arrestato dai carabinieri
Cronaca San Donato Sud Milano -

Cocaina nascosta nel tettuccio dell’auto: arrestato dai carabinieri

Nella perquisizione dell'appartamento dell'uomo trovati 11mila euro in contanti.

Cocaina nascosta nel tettuccio

Cocaina nascosta nel tettuccio dell’auto: arrestato dai carabinieri.

Cocaina nascosta nel tettuccio dell’auto: arrestato dai carabinieri

SAN DONATO MILANESE – Aveva mezzo chilo di cocaina nascosta nella tappezzeria del tettuccio della propria auto. A finire in manette con l’accusa di detenzione ai fini di spaccio, un 31enne di nazionalità marocchina, fermato nel pomeriggio di  mercoledì 30 gennaio a San Donato Milanese, dai carabinieri.

Fermato per un normale controllo

L’uomo, incensurato, si trovava alla guida di una Polo quando è stato fermato per un normale controllo dai militari mostrando però da subito molto nervosismo. L’approfondita perquisizione dei veicolo ha così portato al rinvenimento di 500 grammi di cocaina che erano stati occultati sopra lo specchietto retrovisore, in un piccolo vano ricavano proprio sotto il tettuccio.

In casa dell’uomo trovati 11mila euro

La successiva perquisizione della dimora dell’uomo ha portato al ritrovamento di 11mila euro in contanti, con ogni probabilità frutto di un’attività di spaccio di sostanze stupefacenti. I carabinieri della Compagnia di San Donato, impegnati stabilmente nelle attività di controlli antidroga nell’area, ritengono che il notevole quantitativo di cocaina fosse destinato alle piazze di spaccio di Rogoredo e del Sud Milano.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente