Giornale dei Navigli > Cronaca > Cane chiuso in macchina, la polizia locale rompe il vetro e lo libera FOTO
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Cane chiuso in macchina, la polizia locale rompe il vetro e lo libera FOTO

Sul posto anche un veterinario che ha controllato le condizioni del cane.

Cane chiuso in macchina

Cane chiuso in macchina, la polizia locale rompe il vetro e lo libera.

Cane chiuso in macchina, la polizia locale rompe il vetro e lo libera

PIOLTELLO – “Non c’era altro da fare che rompere il vetro e liberarlo dalla trappola di caldo e afa che si era attanagliata attorno a lui”, scrivono sui social gli agenti della polizia locale di Pioltello che sono riusciti a liberare un cane chiuso in macchina dal padrone.

L’intervento dopo la segnalazione

Gli agenti hanno ricevuto la segnalazione e si sono immediatamente attivati: hanno cercato il proprietario, provando a contattare i negozi vicini e setacciando la zona, ma “sono stati tentativi vani, è giunto troppo tardi sul posto, quando ormai era stato liberato”, aggiungono gli agenti che vedendo il cane in grossa difficoltà, con temperature che superavano i 35 gradi e nessuno spazio d’ombra per l’animale, hanno deciso di rompere il vetro dell’auto e di liberare il cane che appariva confuso e assetato.

Anche un veterinario sul posto

Gli agenti gli hanno portato una ciotola con dell’acqua fresca che il cagnetto ha subito bevuto. Sul posto anche un veterinario che ha controllato le condizioni del cane. Il padrone, che lo aveva chiuso in macchina senza pensare alle alte temperature che avrebbero potuto uccidere il cane, si è presentato poco dopo, quando gli agenti avevano già provveduto, fortunatamente, a liberarlo.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente