Giornale dei Navigli > Cronaca > Calci e pugni alla ex compagna: lo arrestano i carabinieri
Cronaca Rozzano -

Calci e pugni alla ex compagna: lo arrestano i carabinieri

Sono stati i vicini di casa a chiamare il 112, segnalando le urla che arrivavano da un appartamento vicino a viale Liguria.

Calci e pugni

Calci e pugni alla ex compagna: lo arrestano i carabinieri.

Calci e pugni alla ex compagna: lo arrestano i carabinieri

ROZZANO – I carabinieri di Rozzano lo hanno sorpreso mentre la pestava, come spesso faceva. Neanche di fronte ai militari si è fermato: ha continuato a picchiarla, riempiendola di calci e pugni sul volto e all’addome, fino a farla piegare dal dolore.

Carabinieri allertati dai vicini

Sono stati i vicini di casa a chiamare il 112, segnalando le urla che arrivavano da un appartamento vicino a viale Liguria. I carabinieri sono entrati in casa e hanno trovato l’uomo, italiano, 31 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, che picchiava la ex compagna, anche lei italiana di 31 anni. I due avevano avuto una relazione da cui è nato un bambino di 4 anni. L’uomo era solito fare irruzione a casa della ex compagna e picchiarla: diversi gli episodi che avevano costretto la mamma a vivere in uno stato di terrore continuo.

Arrestato e in carcere

I militari hanno bloccato l’uomo e si sono sincerati delle condizioni fisiche della 31enne: hanno chiamato un’ambulanza che l’ha portata all’ospedale Humanitas di Rozzano, dove è stata presa in cura dal personale medico. Esito del ricovero: contusioni multiple, con prognosi di 10 giorni. L’uomo è stato immediatamente arrestato e portato al carcere di San Vittore. Dovrà rispondere ora dell’accusa di maltrattamenti in famiglia.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente