Giornale dei Navigli > Cronaca > Botte e minacce alla moglie per anni, arrestato dai carabinieri
Cronaca Naviglio grande Sud Milano -

Botte e minacce alla moglie per anni, arrestato dai carabinieri

La donna, una 36enne, dal 2013 subiva tutti i giorni violenze, anche davanti ai figli.

botte e minacce

Botte e minacce alla moglie per anni, arrestato dai carabinieri.

Botte e minacce alla moglie per anni, arrestato dai carabinieri

SETTIMO MILANESE – Le minacce e le botte andavano avanti dal 2013 ma solo di recente la donna si era decisa a parlare e a esternare il malessere che si portava dentro da anni.

Violenze quotidiane anche davanti ai figli

Aggressioni continue, calci, pugni, schiaffi, poi insulti e minacce di morte. La donna, una 36enne, doveva subire tutti i giorni quelle violenze, anche davanti ai figli di 3, 10 e 12 anni. L’aguzzino è il marito, un italiano di 55 anni, già conosciuto alle forze dell’ordine, disoccupato, ma che spesso tornava a casa ubriaco o sotto l’effetto di sostanze stupefacenti.

Un profondo stato di ansia e di terrore

A mettere fine alle paure della donna, i carabinieri della Compagnia di Corsico guidati dal capitano Pasquale Puca: dopo accurate investigazioni, sono riusciti a rintracciare e arrestare l’uomo, residente a Settimo Milanese. I militari hanno eseguito l’ordinanza di custodia cautelare in carcere emessa dal Tribunale di Milano. Il 55enne dovrà rispondere del delitto di maltrattamenti in famiglia. Le continue vessazioni sono durate fino all’ultimo, fino a quando i carabinieri lo hanno portato in carcere, liberando la donna da un peso enorme: le violenze l’avevano gettata in un profondo stato di ansia e di terrore, secondo gli inquirenti che hanno sentito a lungo la vittima. Ora l’uomo si trova dietro le sbarre, nel carcere di San Vittore, lontano dalla 36enne e dai suoi bambini.

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente