Giornale dei Navigli > Cronaca > Borseggiatrici sulla metro: 17 donne fermate, 13 sono incinte
Cronaca Naviglio grande -

Borseggiatrici sulla metro: 17 donne fermate, 13 sono incinte

All’arrivo delle forze dell’ordine il gruppo si è sparpagliato provando a fuggire alla cattura.

Borseggiatrici sulla metro

Borseggiatrici sulla metro: 17 donne fermate, 13 sono incinte.

Borseggiatrici sulla metro: 17 donne fermate, 13 sono incinte

MILANO – Hanno approfittato della calca che in questi giorni caratterizza strade e mezzi pubblici per il Salone del Mobile e il Fuorisalone. Il gruppo di borseggiatrici ha tenuto d’occhio i passeggeri stranieri in viaggio sulla metropolitana.

Una “banda” di borseggiatrici sulla metro

Le donne, tra cui molte minorenni, hanno notato una passeggera straniera, di origine cinese, che hanno accerchiato nel mezzanino della metro rossa, ad Amendola-Fiera, per sfilarle la borsa. All’arrivo delle forze dell’ordine, allertate da altri passeggeri, il gruppo formato da 17 donne si è sparpagliato provando a fuggire alla cattura.

Diverse segnalazioni nei giorni scorsi

Agli agenti in servizio sulla metropolitana erano già arrivate segnalazioni di donne che si muovevano in gruppi anche di 30-40 persone, tutte di origine rom, che provavano a derubare i pendolari, fin dal mattino presto di ieri. Attraverso le immagini riprese dalle telecamere di sicurezza delle stazioni, gli agenti sono riusciti a seguirle e a bloccarle subito.

Un arresto e denunce per le altre

Delle 17 donne e ragazzine borseggiatrici esperte, tutte sprovviste di documenti per identificarle, 13 erano incinte. Per l’autrice della rapina, probabilmente una minorenne, è scattato l’arresto, mentre le altre complici sono state denunciate.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente