Giornale dei Navigli > Cronaca > Assalto al portavalori, individuati i responsabili
Cronaca San Donato Sud Milano -

Assalto al portavalori, individuati i responsabili

I carabinieri hanno fermato tre italiani di 45, 49 e 51 anni, tutti originari di Gela, in Sicilia.

assalto al portavalori

Assalto al portavalori, individuati i responsabili.

Assalto al portavalori, individuati i responsabili

PESCHIERA BORROMEO – Il commando aveva seminato il panico organizzando un assalto a un furgone portavalori.

La dinamica

Un bottino da 30mila euro per la banda scappata a bordo di una Fiat Panda dopo la sparatoria (per fortuna senza feriti). Era lo scorso 25 gennaio, poco dopo le 13, e i rapinatori hanno seguito l’autista e due guardie a bordo del portavalori che si era fermato davanti alla Unicash di via Walter Tobagi. Hanno aspettato che prelevassero il contante, poi li hanno aggrediti costringendoli a consegnare il denaro. Poi hanno provato a sparare contro i vetri antiproiettili del veicolo ma l’autista ha ingranato la marcia ed è scappato. Uno dei malviventi ha seguito per qualche metro il mezzo ed è riuscito ad attaccare un ordigno sul vetro, che poi si è rivelato finto.

L’operazione dei carabinieri

Oggi, i carabinieri di Milano hanno comunicato l’esecuzione di un fermo di indiziato di delitto per rapina aggravata, operato dai carabinieri di San Donato. I responsabili dell’assalto sono tre italiani di 45, 49 e 51 anni, tutti originari di Gela, in Sicilia. I carabinieri sono riusciti a recuperare tutte le armi utilizzate nell’assalto.

Leggi ancheAssalto portavalori a Peschiera, strada chiusa per pericolo di esplosivi 

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente