Giornale dei Navigli > Cronaca > Arrestato ladro seriale di auto: usava chiavi codificate e jammer
Cronaca Rozzano -

Arrestato ladro seriale di auto: usava chiavi codificate e jammer

I carabinieri lo hanno sorpreso in via Lombardia, un 25enne già espulso dal Paese.

Arrestato ladro seriale

Arrestato ladro seriale di auto: usava chiavi codificate e jammer.

Arrestato ladro seriale di auto: usava chiavi codificate e jammer

ROZZANO – In casa aveva tutta l’attrezzatura per mettere a segno furti e rapine. Un ladro seriale, che agiva in modo sistematico grazie a strumenti tecnologici. A mettere fine all’attività criminale del 25enne di Rozzano, origini ucraine, ci hanno pensato i carabinieri di Rozzano guidati dal luogotenente Massimiliano Filiberti.

Sorpreso in via Lombardia

I militari lo hanno sorpreso in via Lombardia, mentre si aggirava tra le auto posteggiate, in cerca di vetture da rubare. I carabinieri lo hanno fermato e, come prima cosa, lo hanno trovato in possesso di un passaporto falso che il 25enne aveva utilizzato per rientrare illegalmente in Italia (era già stato espulso dal questore di Varese nel marzo del 2018).

La perquisizione dell’appartamento

I militari lo hanno perquisito e sono passati poi nel suo appartamento. Ed ecco spuntare decine di strumenti per rubare le macchine: uno jammer per disturbare le frequenze audio, tre radio portatili, un codificatore di chiavi di automobili, una pistola per ripunzonare i telai, 28 chiavi non codificate di macchine targate Bmw, Lexus, Toyota.

Poi, vari chiavistelli per aprire le portiere, 15 telefoni cellulari e numerose carte di circolazione di auto rubate. I militari lo hanno arrestato ed è ora nelle camere di sicurezza della caserma in attesa della celebrazione del rito per direttissima.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente