Giornale dei Navigli > Cronaca > Incidente mortale in viale Brenta: appello famiglia, rispondono falsi testimoni
Cronaca Naviglio grande -

Incidente mortale in viale Brenta: appello famiglia, rispondono falsi testimoni

Le uniche informazioni utili, almeno per ora, sono arrivate da un ragazzo cinese. Gli amici di Jacopo rinnovano l'appello.

appello famiglia

Incidente mortale in viale Brenta: appello famiglia, rispondono falsi testimoni.

Incidente mortale in viale Brenta: appello famiglia, rispondono falsi testimoni

MILANO – L’appello è girato, ma sono ancora pochi, pochissimi, i risultati positivi che la famiglia sperava di raggiungere. Ancora straziata per la perdita di Jacopo Dimmito, il 27enne che viaggiava sul suo scooter, travolto da un camion in viale Brenta il 10 ottobre, la famiglia, con l’aiuto dei tanti amici che aveva Jacopo, sta cercando testimoni che possano aiutare a ricostruire la vicenda.

Solo persone pronte a testimoniare il falso in cambio di denaro

Tanti messaggi di cordoglio sono arrivati, un abbraccio sentito che si è stretto intorno ai famigliari del giovane producer, morto sul colpo per le terribili ferite riportate alla testa. Ma anche nelle condizioni più drammatiche non manca chi non sa cosa sia la dignità: “Abbiamo squallidamente incontrato solo persone pronte a testimoniare il falso in cambio di denaro”, raccontano gli amici sui social.

Le immagini messe a disposizione da un ragazzo cinese

L’unico, almeno fino a ora, ad aver dato una mano alla famiglia, è un ragazzo cinese “che ringraziamo di cuore”, hanno detto, che ha messo a disposizione le immagini del flusso di traffico della zona. Dalle riprese, “si deduce quindi che più automobilisti abbiano visto, in particolare un motociclista che seguiva i veicoli coinvolti nell’incidente mortale – spiegano gli amici –. Dalle immagini – quelle che riprendono gli ultimi istanti di vita del 27enne, ndr – si vede ache Jacopo che passa da quel punto e non faceva alcun zig zag come farneticato in alcuni post”.

“Se sapete, parlate. Aiutateci a capire”.

In ultimo, l’ennesimo necessario, doveroso appello che racchiude tutta la disperazione e il bisogno di sapere come sono andate le cose, come Jacopo ha perso la vita in quel maledetto incrocio: “Se sapete – dicono gli amici –, parlate. Aiutateci a capire”.

Francesca Grillo

Leggi anche Camion contro scooter, muore motociclista di 27 anni

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente