Giornale dei Navigli > Casa > Riscaldamento a pavimento con i pannelli radianti

GDL Casa

Casa
0 commenti.

Riscaldamento a pavimento con i pannelli radianti

Ecco la soluzione per un calore… benefico. Perché scegliere il riscaldamento a pavimento

Scritto da:

Riscaldamento a pavimento? Certo che sì. Il benessere dipende essenzialmente dalla qualità del calore che si trova negli ambienti. Per raggiungere il comfort termico, il corpo umano privilegia lo scambio di calore per irraggiamento, determinato da onde o energia elettromagnetica (per esempio i raggi solari). L’effetto è un po’ quello che si verifica nelle giornate soleggiate d’inverno, quando i raggi dell’astro amico pur non scaldando l’aria, riscaldano però piacevolmente gli oggetti che incontrano al suolo. Il calore per irraggiamento è, dunque, da preferire a quello per convezione, provocato dai termosifoni che scaldando l’aria dell’ambiente generano un malsano movimento di polveri, o a quello per conduzione, ovvero per contatto tra due superfici che si scambiano il calore.

Riscaldamento a pavimento e irraggiamento

Per riscaldare un ambiente con la tecnica dell’irraggiamento, oggi si sta affermando particolarmente l’impianto a pannelli a pavimento. Si tratta di serpentine in rame o materiale plastico nelle quali circola acqua ad una temperatura tra i 30 e i 40°C. Esse, solitamente, sono incorporate nel sottofondo dei pavimenti. Le superfici riscaldate dalle serpentine irraggiano persone e cose senza scaldare significativamente l’aria. Quindi senza innescare moto convettivo di polveri e pertanto senza creare quei depositi di polvere bruciata generalmente visibili sopra ai caloriferi. Con i pannelli a pavimento si ottiene un comfort termico migliore con pavimenti caldi (25 – 30°C) e aria più fresca (16 – 18°C circa). Facendo circolare acqua a bassa temperatura si disperde molto meno calore verso esterno.

E c’è anche il raffrescamento

Inoltre, avendo bassa inerzia termica i pannelli scaldano l’ambiente in breve tempo permettendo di accendere l’impianto poco tempo prima. Oggi sempre più diffuso, questo tipo di impianto è particolarmente vantaggioso nel momento in cui si devono riscaldare ambienti con grande volume. Nel periodo estivo, facendo circolare acqua fredda (13 – 15°C) nelle serpentine, si ottiene un raffrescamento dell’ambiente senza dover condizionare tutta l’aria. I pannelli radianti a pavimento, annullando la presenza dei termosifoni, garantiscono la completa fruibilità di ogni spazio della casa, offrendo maggiore libertà nella scelta degli arredi e guadagnando spazio.

L’articolo Riscaldamento a pavimento con i pannelli radianti proviene da Casa.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente