Giornale dei Navigli > Attualità > Trappole contro il coleottero che sta devastando alberi e campi
Attualità Trezzano -

Trappole contro il coleottero che sta devastando alberi e campi

Trezzano dichiara guerra all'insetto soprannominato “l’Attila dei campi”.

Trappole contro il coleottero

Trappole contro il coleottero che sta devastando alberi e campi.

Trappole contro il coleottero che sta devastando alberi e campi

TREZZANO SUL NAVIGLIO – Guerra al coleottero soprannominato “l’Attila dei campi”. La Popillia Japonica è arrivata anche a Trezzano a distruggere alberi, piante da frutto e foglie di cui si nutre con voracità fino a lasciare solo le nervature intatte. Le larve del coleottero, poi, provocano danni importanti alle radici. Insomma, un insetto che sta seminando il panico in orti, giardini e piantagioni. Anche le aziende agricole, infatti, devono correre ai ripari per evitare che l’esserino possa devastare tutto come sta già facendo.

A Trezzano guerra aperta all'”Attila dei campi”

A Trezzano il Comune ha deciso di installare, grazie alla sinergia con Ersaf, delle trappole a tenda con insetticida per debellare lo scarabeo colorato. “La Popilla Japonica adulta presenta una forma ovoidale, tipica dei coleotteri. L’esemplare femmina può raggiungere un massimo di 11 mm di lunghezza e una larghezza di 7 mm, mentre i maschi solitamente sono più piccoli. Il corpo è di colore verde metallico (parte superiore), mentre l’addome di color bronzo-rame. Solo gli adulti sono dotati di antenne, generalmente ripiegate, che dispiegano in prossimità di fiori o esemplari dell’altro sesso”, spiegano dagli uffici dell’ambiente del Comune.

Come agisce la Popillia Japonica

“I danni più visibili causati dalla Popillia Japonica sono erosioni gravi a carico di foglie, fiori e frutti. Una sola pianta può essere attaccata da centinaia di esemplari capaci di determinare problemi di grosse entità in brevissimo tempo, risparmiando soltanto le nervature delle foglie. La Popilla Japonica agisce nelle ore più calde, prediligendo piante maggiormente esposte ai raggi solari. Le sue larve, invece, danneggiano principalmente tutte le tipologie di tappeti erbosi e prati, poiché si nutrono di radici e graminacee. Inoltre, le larve attirano uccelli e altri piccoli animali che, per poterle mangiare, scavano il terreno causando ulteriori danni”.

Come intervenire?

“Quando la rimozione manuale non può essere effettuata per via di una massiccia presenza, gli adulti di Popillia Japonica vengono generalmente attaccati con l’installazione di trappole, lontano da orti e giardini privati. Per massicce infestazioni si suggeriscono interventi chimici con prodotto “abbattenti” con principio attivo registrato per tale insetto. Nel caso si rilevi la presenza nei giardini privati, si suggerisce di eliminare gli insetti nelle prime ore del mattino quando sono meno reattivi facendoli cadere in un secchio con acqua e sapone”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente