Giornale dei Navigli > Attualità > Targa per Borsellino a Corsico, il fratello Salvatore non ci sta: “Respingo al mittente”
Attualità Corsico -

Targa per Borsellino a Corsico, il fratello Salvatore non ci sta: “Respingo al mittente”

Il sindaco aveva annunciato l’intitolazione-bis al giudice Borsellino.

targa per Borsellino

Targa per Borsellino a Corsico, il fratello Salvatore non ci sta: “Respingo al mittente”.

Targa per Borsellino a Corsico, il fratello Salvatore non ci sta: “Respingo al mittente”

CORSICO – Non piace a Salvatore Borsellino, fratello del giudice Paolo, l’idea del sindaco Filippo Errante di intitolare il negozio di via Cavour proprio al magistrato ammazzato da Cosa nostra nel 1992. Passo indietro: il negozietto è quello strappato al clan dei Sergi e intitolato due anni fa a Pietro Sanua, il fruttivendolo ucciso dalla mafia nel 1995 con un colpo di fucile a pallettoni perché aveva denunciato le assegnazioni sporche dei chioschi di fiori davanti ai cimiteri.

La richiesta del figlio di Pietro Sanua

Il figlio Lorenzo, con lui su quel furgoncino dove è stato giustiziato, ha chiesto al Comune di rimuovere la targa dal negozio, perché «non è così che si fanno vivere i beni confiscati, abbandonandoli, dimenticandoli», aveva spiegato. Il sindaco, dal canto suo, aveva risposto elencando «necessari tempi tecnici per la riassegnazione del bene», dicendosi dispiaciuto e annunciando l’intitolazione-bis al giudice Borsellino.

Il “no” del fratello di Borsellino

Ma il fratello Salvatore dice no, anzi, respinge al mittente l’idea. “Dopo anni di abbandono – afferma Borsellino – in cui il negozio era rimasto quasi sempre chiuso e in stato di abbandono, il figlio Lorenzo ha avanzato la sacrosanta richiesta che la targa venisse rimossa. Non è mettendo una targa e poi lasciandola li dimenticata che si preserva e si onora la memoria delle vittime. Ora l’Amministrazione pretende di voler sostituire la targa con un’altra dedicata a Paolo. Una decisione che mi lascia addolorato e sconcertato”.

Il peso della vicenda Stocco

Borsellino riporta alla memoria il patrocinio concesso a Musitano per la Sagra dello Stocco, due anni fa, che aveva gettato nell’occhio del ciclone l’intero Comune, finito con una commissione parlamentare antimafia e un rimpasto di Giunta (dove, in realtà, l’unica a conservare la poltrona era stata l’ex vice sindaco Silvia Scurati).

Borsellino ripete le parole del procuratore di Catanzaro Nicola Gratteri:

“Corsico è una delle basi storiche e strategiche della ‘ndrangheta fin dai tempi dei sequestri di persona”

ha detto il procuratore in un’intervista. Ci vuole ben altro che mettere targhe e sostituirne a piacimento i nomi che si acquista credibilità nel contrasto alla criminalità organizzata per una amministrazione comunale che si è finora semmai distinta per le benemerenze acquisite su altri versanti, come ha fatto di recente decidendo di ospitare la Sagra dello Stocco. Questa, come le processioni e le feste di paese, rappresentano in Calabria forme di esternazione del potere delle mafie”.

Borsellino non ci sta: “Una targa dedicata a mio fratello, con queste premesse, non può essere altro che respinta al mittente”.

Francesca Grillo

Leggi anche Negozio intitolato Pietro Sanua, il figlio chiede di togliere la targa

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente