Giornale dei Navigli > Attualità > Spray al peperoncino in dotazione alla polizia locale di Milano
Attualità Naviglio grande -

Spray al peperoncino in dotazione alla polizia locale di Milano

Per il vicesindaco Anna Scavuzzo si tratta di un “passo concreto per rispondere alle legittime richieste degli agenti".

Spray al peperoncino in dotazione alla polizia locale di Milano.

Spray al peperoncino in dotazione alla polizia locale di Milano

MILANO – Sono 500 i primi dispositivi consegnati agli agenti della polizia locale: spray al peperoncino che potranno essere utilizzati solo dopo aver completato un corso di formazione, necessario per l’uso corretto dello spray.

Particolarmente utili per interventi di Tso

Il Comune ha investito circa 35mila euro: oltre ai dispositivi, sono stati acquistati otto caschi e quattro cuscini di protezione per chi deve intervenire in caso di Tso (il Trattamento sanitario obbligatorio). Per il vicesindaco Anna Scavuzzo si tratta di un “passo concreto per rispondere alle legittime richieste degli agenti. Nel 2018 la polizia locale ha eseguito 707 Tso: purtroppo in alcuni casi si tratta di persone con comportamenti aggressivi. Le protezioni e, se necessario, l’uso di spray urticante possono essere strumenti utili”. Il comandante Marco Ciacci sottolinea come “il corso di formazione fornirà le competenze necessarie per agire in sicurezza, riducendo al minimo i rischi e con lo scopo di rafforzare l’immediata capacità di intervento del nostro personale”.

Tensione tra il Comune e gli agenti

Se da una parte gli agenti della polizia locale sono stati accontentati per la giusta richiesta di maggior sicurezza e tutela personale, dall’altra le tensioni con il Comune di Milano rimangono alte. Al centro della questione c’è l’uso “obbligatorio, per legge”, come dice il Comune, del badge identificativo che servirà a digitalizzare le presenze e le ore di lavoro. I sindacati, tuttavia, non sono d’accordo, affermando che il vecchio metodo funziona in modo ottimale. Gli agenti sono pronti a incrociare le braccia: lo avevano paventato il giorno di Sant’Ambrogio (poi lo sciopero era stato revocato) e ora i ghisa annunciano un altro sciopero in corrispondenza della partita serale Milan-Napoli, il 26 gennaio, e ulteriori proteste in occasione della settimana della moda di febbraio.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente