Giornale dei Navigli > Attualità > Sos Biblioteca, no alla chiusura serale anticipata
Attualità Corsico -

Sos Biblioteca, no alla chiusura serale anticipata

Il comitato cittadino Sos Biblioteca continua la protesta contro la decisione di chiudere la biblioteca alle 20 e non più alle 22.30.

Sos Biblioteca

Sos Biblioteca, no alla chiusura serale anticipata.

Sos Biblioteca, no alla chiusura serale anticipata

CORSICO – “Una scelta che priva la città di un importante bene comune. Riduce drasticamente la fruibilità di un servizio serale di valore culturale. Elimina un importante luogo sociale, di relazione e di studio per le studentesse, gli studenti e chi lavora fino a tardi. Toglie lo spazio per la lettura serale dei giornali. Impoverisce la città”. Il comitato cittadino Sos Biblioteca continua la protesta contro la decisione del sindaco Filippo Errante e della Giunta di chiudere la biblioteca alle 20 e non più alle 22.30.

Ragioni economiche e di sicurezza

Motivi economici, come si legge nelle delibera di approvazione, ma anche problematiche legate alla sicurezza, come poi ha aggiunto il sindaco. Motivazioni che non hanno convinto i cittadini che si sono riuniti per manifestare compatti il dissenso contro la scelta.

E la scuola di italiano per stranieri?

A preoccupare c’è anche la situazione che vive l’associazione Itaca che organizza proprio di sera in biblioteca il corso di italiano per stranieri. “Abbiamo chiesto un incontro all’assessore Andreis con il quale si era ipotizzata una possibile soluzione – dicono dal comitato –. Tuttavia, a nulla sono valse le promesse e i contatti anche successivi con l’assessore. La Giunta mantiene la chiusura serale della biblioteca”. (qui la risposta dell’Amministrazione).

Una scelta che penalizza i frequentatori del corso di italiano, gli studenti lavoratori che trascorrevano in biblioteca le ore serali e tutti coloro che hanno “sempre usufruito del servizio – aggiungono dal comitato -, tolto da un giorno all’altro, senza spiegazioni che non siano quelle economiche, quando tanti soldi vengono spesi per altre iniziative. Qui si parla di cultura, inclusione e relazione”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente