Giornale dei Navigli > Attualità > Rilancio centro storico: tre proposte da Fratelli d’Italia
Attualità Cesano Boscone -

Rilancio centro storico: tre proposte da Fratelli d’Italia

Fabio Raimondo: "Il sindaco chiude la stalla quando i buoi sono scappati".

Rilancio centro storico

Rilancio del centro storico: tre proposte da Fratelli d’Italia.

Rilancio del centro storico: tre proposte da Fratelli d’Italia

CESANO BOSCONE – “Ben vengano i 48mila euro che l’Amministrazione comunale ha stanziato per incentivare tramite un bando il commercio di vicinato, ma si tratta di una misura tardiva e palliativa dal sapore elettorale”.

“Il sindaco chiude la stalla quando i buoi sono scappati”

Fratelli d’Italia riconosce, così, l’importanza della misura adottata dal Comune, ma sottolinea quelle che per loro sono manovre studiate in vista delle elezioni. “Il sindaco chiude la stalla quando i buoi sono scappati – affermano Fabio Raimondo, capogruppo consiliare, e Simona Sanfelici, coordinatrice comunale di FdI –. Quante insegne si sono spente in questi anni? Troppe. Non possiamo nemmeno dimenticare che con il Pgt voluto dal sindaco Negri sorgeranno altri 20.400 metri quadri di nuovi centri commerciali, in via Isonzo e via De Nicola, che assesteranno il colpo di grazia al commercio locale cesanese. Cinquantamila euro scarsi per tentare di rimediare non bastano”.

Tre proposte

Per Sanfelici e Raimondo “occorrono interventi duraturi” e rilanciano tre proposte: “Istituire un mercato settimanale nel centro storico, riportare nel Municipio di via Pogliani alcuni servizi comunali a sportello e abolire la tariffa per il parcheggio a pagamento”. Per i due esponenti di Fratelli d’Italia, “il centro storico non può vivere a domeniche alternate, ma offrire attrattiva tutti i giorni”.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente