Giornale dei Navigli > Attualità > Nove mesi senza Silvia Romano
Attualità Naviglio grande -

Nove mesi senza Silvia Romano

Non ci sono nuove notizie sulla cooperante italiana rapita in Kenya a novembre.

silvia romano

Nove mesi senza Silvia Romano.

Nove mesi senza Silvia Romano

MILANO – Era il 20 novembre dello scorso anno, nove mesi fa.

Nessuna novità positiva

E ancora poco si sa del rapimento della giovane volontaria Silvia Romano, 24enne cooperante per la onlus Africa Milele. L’ultimo avvistamento risale al giorno del rapimento, quando Silvia è stata prelevata da un commando a Chakama, villaggio a 80 chilometri da Malindi, Kenya. Da allora di Silvia si sa poco, troppo poco.

Gli sviluppi della vicenda

Un silenzio pesante dietro cui ci sono le attività di indagine delle autorità locali che collaborano con quelle italiane, dopo una prima difficile sinergia che sembra aver avuto una svolta positiva. Una riservatezza doverosa per non compromettere le delicatissime ricerche, ma il silenzio preoccupa la famiglia, gli amici e le tantissime persone che non dimenticano Silvia e la vogliono a casa il prima possibile. Si chiede quindi un maggiore impegno, più che altro per avere una speranza contro la paura. Sotto i riflettori degli inquirenti ci sarebbero tre gruppi criminali che hanno organizzato e messo in pratica il rapimento.

Il ruolo degli arrestati

Un aiuto per provare a ritrovare Silvia potrebbe arrivare dall’interrogatorio di Ibrahim Adan Omar, uno dei tre arrestati e componente del commando, trovato in possesso di un kalashnikov e diverse munizioni. Gli investigatori stanno cercando anche di capire se il sequestro sia stato effettuato “su commissione”, ordinato da altri gruppi criminali.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente