Giornale dei Navigli > Attualità > Mensa scolastica: “Scarsa qualità per il prezzo che paghiamo”
Attualità Corsico -

Mensa scolastica: “Scarsa qualità per il prezzo che paghiamo”

"Pago 11 euro al giorno per i miei figli ma, per farli mangiare, non digiunare”.

mensa scolastica

Mensa scolastica: “Scarsa qualità per il prezzo che paghiamo”.

Mensa scolastica: “Scarsa qualità per il prezzo che paghiamo”

CORSICO – Un servizio inadeguato per il costo del pranzo. I genitori dei bambini che usufruiscono del servizio mensa a scuola non sono contenti, anzi. Sono numerose le segnalazioni di chi lamenta una “scarsa qualità del cibo, continue modifiche al menu, verdure surgelate e lesse per settimane perché mancano le attrezzature per servire altri piatti”.

Insoddisfazione anche dopo il cambio d’appalto

Insomma, il cambio dell’appalto, con l’inserimento di Vivenda non sta accontentando i genitori. “Qui non si tratta di qualche bambino schizzinoso, ma di alunni che tornano a casa affamati perché il menu è studiato in modo approssimativo, poco appetitoso. Adesso ci mancava pure il guasto alla caldaia”. E infatti ad appesantire la situazione c’è la rottura della caldaia al centro cottura. Un imprevisto che provocherà ulteriori variazioni al menu per qualche giorno.

Il commento dell’amministrazione

“Prendiamo sul serio e valutiamo con doverosa attenzione tutte le segnalazioni che ci arrivano dai genitori – ha commentato l’assessore alla Pubblica istruzione Fabio Raimondo –. Per noi la qualità del cibo e del servizio di cui usufruiscono gli alunni sono di importanza fondamentale. Mi attiverò immediatamente per verificare con Vivenda. La società ci ha inoltre assicurato che è al lavoro per riparare nel più breve tempo possibile il guasto alla caldaia”.

Malcontento anche tra i dipendenti

Un problema dopo l’altro per la nuova società, i cui dipendenti solo pochi giorni fa avevano manifestato davanti al Comune per chiedere condizioni dignitose di lavoro, strappando la promessa agli amministratori (sindaco e assessore) di un intervento per dialogare con l’azienda.

“Eccessivo costo del pasto”

Ma quello che pesa ai genitori è anche “un eccessivo costo del pasto che non corrisponde a buona qualità dei piatti serviti. Paghiamo la stessa cifra di sempre, anche se per il Comune con il nuovo appalto si è abbassato il costo. Io ho due bambini e pago 11 euro al giorno per farli mangiare in mensa. Li pagherei anche volentieri, con un sistema di versamento peraltro da rivedere, ma per farli mangiare, non digiunare”.

FG

LEGGI ANCHE

 Sciopero lavoratori mensa, i sindacati: “A tutela della qualità e del servizio offerto ai bambini”

 Mensa negata ai figli dei morosi: il Consiglio di Stato respinge il ricorso

 Mensa scolastica Corsico, oggi sciopero del personale Vivenda

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente