Giornale dei Navigli > Attualità > Football No Limits: una delegazione fa visita alla Nazionale di calcio italiana
Attualità Naviglio grande Sud Milano -

Football No Limits: una delegazione fa visita alla Nazionale di calcio italiana

L’obiettivo del progetto è “promuovere l’inclusione sociale attraverso la pratica calcistica e sportiva”.

Football No Limits

Football No Limits: una delegazione fa visita alla Nazionale di calcio italiana.

Football No Limits: una delegazione fa visita alla Nazionale di calcio italiana

L’obiettivo è “promuovere l’inclusione sociale attraverso la pratica calcistica e sportiva”, spiegano gli ideatori di Football No Limits, un progetto che prevede un percorso formativo per allenatori e persone impegnate nell’educazione sportiva e la presenza attiva di circa 20 volontari locali e italiani.

Il progetto rivolto a bambini e ragazzi bosniaci

Una grande sinergia per regalare momenti di aggregazione e crescita per bambini e ragazzi dai 6 ai 14 anni appartenenti a comunità svantaggiate della Bosnia Erzegovina. Il progetto Football No Limits ha preso il via tre anni fa su impulso di IPSIA e ha come finalità quella di proporre il calcio come modello inclusivo in un territorio complesso e caratterizzato da divisioni di vario genere. “L’obiettivo è di superare le barriere culturali che ancora oggi sussistono in Bosnia Erzegovina, promuovendo il diritto all’aggregazione e alla socializzazione, a una crescita sana e a un corretto sviluppo educativo”, spiegano gli organizzatori. Anche quest’anno la carovana sportiva itinerante, giunta alla quarta edizione, attraverserà Bosanska Krupa, Cazin, Kostajnica, Banja Luka, Orašije, Bijeljina, Maglaj, Mostar e Ljubuški.

La visita alla Nazionale

Con uno stimolo in più: una delegazione di rappresentanti della Ong Ipsia, promotrice del progetto, con il sostegno della Figc e il patrocinio dell’Ambasciata d’Italia a Sarajevo, ha fatto visita alla Nazionale alla vigilia della gara valida per le European Qualifiers. “Il nostro intento – spiega il coordinatore locale di Fnl ed ex calciatore professionista Emir Sedić) – è quello di unire i giovani usando il linguaggio del pallone, senza badare a quale religione professino o quali siano le loro origini familiari”.

LEGGI ANCHE: Football No Limits, un corsichese nelle terre devastate della Bosnia (FOTO)

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente