Giornale dei Navigli > Attualità > Chiusura del wakeboard, il sindaco: “Necessario rispettare le norme”
Attualità Buccinasco -

Chiusura del wakeboard, il sindaco: “Necessario rispettare le norme”

Il primo cittadino risponde agli sportivi che hanno protestato per lo stop all'attività svolta nel Lago Santa Maria

wakeboard

Chiusura del wakeboard, il sindaco: “Necessario rispettare le norme”.

Chiusura del wakeboard, il sindaco: “Necessario rispettare le norme”

BUCCINASCO – Ha sollevato malumore e qualche protesta la decisione del sindaco Rino Pruiti di firmare l’ordinanza di chiusura per l’attività di wakeboard, al lago Santa Maria di via De Amicis, nella frazione di Gudo Gambaredo.

Le polemiche

Gli appassionati della disciplina che unisce lo sci nautico con lo snowboard hanno espresso delusione: lì, non potranno più praticare lo sport, nella struttura Green Village gestita, per la parte delle discipline acquatiche, dalla CableMilano, costretta ora a chiudere i battenti.

La replica del sindaco

Ma il sindaco Rino Pruiti difende una scelta “doverosa. Dobbiamo rispettare la legge e i regolamenti”. È infatti recente la comunicazione da parte di Ats indirizzata ai sindaci che vieta la balneazione in canali, navigli e cave, proprio come il lago Santa Maria. Prima di siglare l’ordinanza il primo cittadino ha chiesto un parere proprio ad Ats: niente da fare, il divieto vale anche per lo specchio d’acqua di Gudo Gambaredo. “Nostro dovere tutelare la salute cittadina e far rispettare le norme – replica alle proteste il sindaco –: quell’attività non si può svolgere. Inoltre, non sono stati forniti fino a oggi dati su verifiche di accessibilità, monitoraggio e controlli igienico sanitari volti a garantire la salubrità delle acque”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente