Giornale dei Navigli > Attualità > Una canzone italiana ogni tre trasmesse alla radio: la proposta della Lega
Attualità Naviglio grande Sud Milano -

Una canzone italiana ogni tre trasmesse alla radio: la proposta della Lega

Al Bano rilancia: almeno 7 canzoni italiane ogni 10 in radio.

canzone italiana ogni tre

Una canzone italiana ogni tre trasmesse alla radio: la proposta della Lega.

Una canzone italiana ogni tre trasmesse alla radio: la proposta della Lega

Più musica italiana trasmessa dalle radio, esattamente un brano su tre proposto dalle emittenti dovrà essere in lingua italiana. È la proposta di legge firmata e depositata a Montecitorio dal presidente della Commissione Trasporti della Camera Alessandro Morelli della Lega.

Possibili sospensioni delle attività

Insomma, il 33% della musica trasmessa alle radio dovrà essere italiana e il 10% dedicato a giovani autori e a piccole case discografiche. Secondo la proposta, le emittenti che non rispetteranno il diktat potrebbero subire la sospensione dell’attività radiofonica da otto a trenta giorni, in caso di “reiterata inosservanza”. Per Morelli (che è stato anche direttore di Radio Padania) la musica deve essere espressione della nostra cultura e valorizzazione di chi lavora nell’industria discografica nostrana.

Al Bano rilancia, chi offre di più?

Nel dibattito si è inserito anche Al Bano che non solo sostiene la proposta, ma rilancia: almeno 7 canzoni italiane ogni 10 in radio, per arrivare come in Francia dove oltre il 70% della musica trasmessa è francese. La proposta leghista arriva dopo la vittoria di Mahmood al Festival di Sanremo, giudicata dal rappresentante del Carroccio “legata a grandi lobby e interessi politici”.

Leggi anche Sanremo lo ha vinto Mahmood. “Grazie a tutti, non ci sto proprio credendo”

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente