Giornale dei Navigli > Attualità > Camioncino perde carico in mezzo alla strada, i minori profughi raccolgono tutto
Attualità Trezzano -

Camioncino perde carico in mezzo alla strada, i minori profughi raccolgono tutto

La solidarietà dei trezzanesi ha risolto la situazione. Tra questi i minori stranieri dello Sprar di Trezzano.

Camioncino perde carico

Camioncino perde carico in mezzo alla strada, i minori profughi raccolgono tutto.

Camioncino perde carico in mezzo alla strada, i minori profughi raccolgono tutto

TREZZANO SUL NAVIGLIO – Una manovra sbagliata, forse una curva presa male, un marciapiede, ed ecco il camioncino che quasi si ribalta  alla rotonda di via Cavour e perde tutto il carico: chili e chili di arance in mezzo alla strada, cassette sparse ovunque e tanta difficoltà per il trasportatore che, da solo, non ce l’avrebbe fatta a tirare su dalla strada tutte quelle arance.

L’aiuto dei trezzanesi e dei minori dello Sprar

Per fortuna la solidarietà dei trezzanesi che passavano di lì hanno risolto la situazione. Tra questi i minori stranieri dello Sprar di Trezzano, il progetto di accoglienza per i giovani profughi che propone percorsi di studio dell’italiano e formativi, per poter trovare un lavoro. I giovani hanno visto il camioncino con il carico perso in mezzo alla strada e sono andati dagli agenti della polizia locale, intervenuti per mettere in sicurezza l’area: “Scusi, possiamo aiutarlo?”.

Un gesto di solidarietà

Risposta ovviamente positiva e complimenti per il bel gesto di solidarietà. I ragazzi hanno passato la mattina, insieme a un’operatrice di Villa Amantea che gestisce il progetto di accoglienza, ad aiutare il camionista in difficoltà, sistemando le cassette e togliendo dalla strada, per liberare la carreggiata, quelle ormai da buttare.

FG

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DIOGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente