Giornale dei Navigli > Attualità > È nato il Bosco dei 100 alberi a Buccinasco
Attualità Buccinasco -

È nato il Bosco dei 100 alberi a Buccinasco

Tra poche settimane, il Bosco dei 100 alberi sarà pronto per accogliere “famiglie, residenti, anche padroni dei cani che potranno passeggiare nel nuovo polmone verde cittadino – ha commentato il sindaco Pruiti.

bosco dei 100 alberi

È nato il Bosco dei 100 alberi a Buccinasco.

È nato il Bosco dei 100 alberi a Buccinasco

BUCCINASCO – Alle 9 del mattino la piccola vietta che parte dalla rotonda di via degli Alpini, subito dopo le vetrine dei negozi, si è riempita di gente. Qualcuno aveva in mano le pale, i bambini portavano gli annaffiatoi. I più esperti, i volontari della Protezione civile, portavano la trivella comprata grazie ai soldi delle donazioni di associazioni, cittadini e commercianti.

Da un’idea di Retake

Una bella squadra, capitanata dai Retake, i cittadini che si prendono cura del territorio intervenendo con spazzole e vernici su scritte e vandalismi. Il co-capitano era il Comune, che ha comprato alberi e attrezzi da piantare. A dare sostegno all’iniziativa, anche le associazioni del territorio: Messinscena, Ape, Gas La Buccinella,  Lhub, Comitato bambini bielorussi, Coderdojo MiSo, Croce Rossa di Buccinasco, Asemi, Taekwono Hwarang, XXIdonna e Artenergia. Sul “campo” anche gli scout e gli ortisti che hanno dato un importante contributo per la piantumazione della sessantina di alberi da frutto che coloreranno lo spazio verde. Gli altri saranno messi a dimora dall’operatore che gestisce l’appalto del verde.

Tra poche settimane pronto “il bosco”

Tra poche settimane, il Bosco dei 100 alberi sarà pronto per accogliere “famiglie, residenti, anche padroni dei cani che potranno passeggiare nel nuovo polmone verde cittadino – ha commentato il sindaco Rino Pruiti, presente insieme a consiglieri e assessori all’evento –. Metteremo anche un gazebo e delle panchine, per rendere ancora più confortevole la zona”. Un’area che si sentiva abbandonata, emarginata, ma che torna a vivere grazie a un programma ad hoc fatto proprio per il quartiere Robarello.

Il nuovo Robarello

Un progetto iniziato con i nuovi giochi per bambini, il centro culturale sede della banda civica e luogo di incontri ed eventi, e la nuova casa della protezione civile (i lavori inizieranno tra poche settimane). Sono stati proprio loro, i volontari dell’associazione, a trivellare (grazie allo strumento acquistato con la raccolta fondi di Retake) lì dove gli alberelli sono stati piantati dai cittadini. “Una bella giornata – hanno commentato Lorenzo e Stefania di Retake –, con un centinaio di persone che hanno preso parte all’evento. Abbiamo scelto di chiamare l’iniziativa La vuoi piantare? proprio per dare un segnale: basta lamentarsi di quello che non va, rimbocchiamoci le maniche e facciamo qualcosa per migliorare il nostro territorio, la nostra città”.

Francesca Grillo

Un Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente