Giornale dei Navigli > Attualità > Bioetica e appalti: la sanità richiede manager preparati
Attualità Naviglio grande -

Bioetica e appalti: la sanità richiede manager preparati

Corso obbligatorio, organizzato da PoliS-Lombardia, che stanno seguendo a Milano una quarantina di medici.

Bioetica e appalti

Bioetica e appalti: la sanità richiede manager preparati.

Bioetica e appalti: la sanità richiede manager preparati

Conoscere i modelli europei dei paesi scandinavi, della Francia, della Germania e del Regno Unito. Ma anche apprendere elementi di ingegneria genetica e della medicina di precisione. Oltre che saper gestire gli appalti. I medici che aspirano a ottenere la qualifica di direttore generale, amministrativo, sanitario o socio-sanitario in strutture pubbliche o convenzionate devono acquisire competenze molto elevate. Ed è per questo che il corso di 138 ore organizzato da PoliS-Lombardia per Regione a Milano vede la partecipazione di una quarantina di medici provenienti da nove province lombarde (Bergamo, Brescia, Como, Cremona, Lecco, Lodi, Milano, Monza e Brianza, Pavia) e da cinque città di altre quattro regioni: Roma, Bolzano, Torino, Modena e Biella.

È l’unico corso che abilita a diventare direttore

Il ciclo di lezioni proposto dall’Accademia di formazione per il servizio sociosanitario lombardo (AFSSL) di PoliS è l’unico in Lombardia che consente di ottenere l’abilitazione a direttore in sanità. E permette l’accesso all’elenco nazionale dal quale le Regioni scelgono i manager che guideranno le aziende sanitarie pubbliche nei prossimi anni.

L’ossatura della sanità futura

“Il corso iniziato il 16 maggio scorso – sottolinea il direttore generale di PoliS-Lombardia Fulvio Matone – mira a fornire competenze, conoscenze e capacità professionali e reti di relazioni che permettono ai partecipanti di fare meglio il proprio lavoro. Abbiamo coinvolto docenti del sistema universitario e della sanità che partecipano attivamente a far diventare i nuovi manager l’ossatura della sanità italiana futura”.

Dovranno conoscere il modello del paziente cronico

I partecipanti dovranno sviluppare le proprie capacità per costruire un rapporto efficace con altre istituzioni, come i Comuni, l’Arpa, l’Inail e l’Inps. Conoscere il piano nazionale e regionale delle cronicità e organizzare l’attività in base ai bisogni sanitari quali-quantitativi emergenti (tipologia di ricoveri, prestazioni ambulatoriali, assistenza socio-sanitaria). Il corso tratterà inoltre lo sviluppo di nuovi modelli integrati di gestione in Lombardia in strutture pubbliche e private, sanitarie e socio-sanitarie. Fornirà elementi per rafforzare il rapporto con i medici di medicina generale (MMG) e per utilizzare i dati (privacy e sistemi informativi).

Competenze anche in medicina di precisione

Alcune ore saranno dedicate alla bioetica, con temi quali l’eutanasia, l’ingegneria genetica, la fecondazione, oltre all’avanzamento dell’innovazione tecnico scientifica, l’editing del genoma, la medicina di precisione. I partecipanti apprenderanno elementi di economia, per saper gestire i meccanismi di finanziamento a livello nazionale e locale, la disciplina degli appalti, i sistemi contabili e di controllo, il budget e il bilancio. Acquisiranno capacità anche nella gestione e nello sviluppo del personale e del team di lavoro, con cenni sul ruolo della comunicazione aziendale in sanità e la valutazione della dirigenza.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente