Giornale dei Navigli > Attualità > Bambino rischia di soffocare all’Ikea di San Giuliano Milanese, cliente eroe lo salva
Attualità San Donato Sud Milano -

Bambino rischia di soffocare all’Ikea di San Giuliano Milanese, cliente eroe lo salva

L'uomo ha abbandonato le casse dove stava pagando e gli ha salvato la vita.

Bambino rischia di soffocare

Bambino rischia di soffocare all’Ikea di San Giuliano Milanese, cliente eroe lo salva.

Bambino rischia di soffocare all’Ikea di San Giuliano Milanese, cliente eroe lo salva

SAN GIULIANO MILANESE – E’ successo all’Ikea di San Giuliano Milanese, un bambino stava soffocando a causa di un boccone andato di traverso. Il panico, qualcuno grida se fra i presenti c’è un medico. Uno sconosciuto abbandona la fila alla cassa e gli pratica la manovra di disostruzione. Una volta accertato che il piccolo fosse salvo è tornato in fila come niente fosse, per poi dileguarsi con i suoi acquisti.

Quando si effettua la manovra di Heimlich?

Per prima cosa è bene puntualizzare che la manovra può essere effettuata anche da persone prive di competenze mediche, ma bisogna assicurarsi di chiamare subito i soccorsi.

Come si effettua la manovra

La persona che pratica la manovra si posiziona in piedi dietro colui che sta soffocando, cingendola con le braccia intorno ai fianchi, sotto le braccia. Una mano è piegata con il pugno chiuso e viene posizionata con la parte del pollice appiattita contro l’addome nella zona tra lo sterno e l’ombelico. L’altra mano afferra il pugno e provoca una serie di rapide e profonde spinte verso l’alto finché l’oggetto che ostruisce le vie aeree non viene espulso. Le spinte non devono mai comprimere o stringere la gabbia toracica, ma solo la parte molle dell’addome. Le nuove linee guida di European Resuscitation Council prevedono che vengano alternate 5 compressioni sottodiaframmatiche e 5 colpi dorsali tra le scapole.

Anche su se stessi

È possibile praticare la manovra di Heimlich anche su se stessi, utilizzando la stessa tecnica: una mano è chiusa a pugno e collocata contro il proprio addome mentre l’altra l’afferra e la spinge verso l’alto con una serie di spinte finché non si liberano le vie aeree.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente