Giornale dei Navigli > Attualità > I bambini della scuola Don Milani rimarranno a Opera
Attualità Rozzano -

I bambini della scuola Don Milani rimarranno a Opera

E' stata trovata la soluzione per evitare il loro trasferimento a Noverasco durante i lavori di ristrutturazione.

scuola don milani

I bambini della scuola Don Milani rimarranno a Opera.

I bambini della scuola Don Milani rimarranno a Opera

OPERA – Alberto Pino Pozzoli grida vittoria, ma anche i genitori degli alunni della Don Milani. Le polemiche si erano scatenate qualche giorno fa, quando l’Amministrazione aveva paventato il trasferimento degli alunni a Noverasco per consentire i lavori di ristrutturazione dell’istituto. Lavori necessari: la scuola ne ha davvero bisogno. Quello che preoccupava i genitori, era il trasferimento dei bambini e la necessità di spostarsi, anche in tenera età, con un pullmino. “I lavori sulla Don Milani seguiranno l’iter procedurale da me proposto a metà maggio e ribadito al confronto dei candidati.

Per Pozzoli l’unico responsabile è Nucera

I bambini rimarranno a Opera: vittoria su tutti i fronti – esulta Pozzoli –. Scongiurato un reale disagio per mamme, papà e bambini”, e lancia l’attacco: “l’unico responsabile è l’assessore ai lavori pubblici Nucera, candidato sindaco. Ha omesso documenti di assoluta rilevanza: si dimetta”.

Ettore Fusco parla di tentativo di strumentalizzazione

Richiesta rispedita al mittente, con il sindaco Ettore Fusco che ha sottolineato ancora una volta il “tentativo di strumentalizzare la vicenda”, e spiega: “Grazie all’interessamento della dirigenza scolastica, delle famiglie e di privati interessati all’utilizzo futuro dello stabile ex Asl è stata trovata la soluzione per il trasferimento dei bambini durante i lavori di ristrutturazione e ampliamento dell’istituto.

La soluzione

Quattro classi saranno trasferite nei locali ex Asl adeguatamente ristrutturati e messi a norma. Le rimanenti cinque classi occuperanno un’ala della scuola elementare Gianni Rodari, preparate per accogliere i bambini. I lavori inizieranno nel 2019 e non quest’anno come inizialmente previsto. Un piccolo disagio – ammette Fusco – a fronte di una grande opera per i nostri bambini che avranno a disposizione una scuola nuova, a risparmio energetico, spaziosa, e funzionale”. E a chi chiede il motivo del cambio di rotta, spiega che “spostare i lavori al 2019 ci permette di essere sicuri che anche gli iscritti non residenti e i meno attenti siano informati prima dell’iscrizione. Inoltre – aggiunge il primo cittadino – avremo la certezza di ambienti certificati poiché le altre soluzioni di ripiego avrebbero potuto creare disagio”.

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente