Giornale dei Navigli > Attualità > Attacchi e parole forti: la campagna elettorale di Basiglio si scalda
Attualità Rozzano -

Attacchi e parole forti: la campagna elettorale di Basiglio si scalda

Con un post pubblicato su Facebook dal Gruppo Consiliare Cittadini solidali per Basiglio.

campagna elettorale di Basiglio

Attacchi e parole forti: la campagna elettorale di Basiglio si scalda.

Attacchi e parole forti: la campagna elettorale di Basiglio si scalda

BASIGLIO – La campagna politica entra nel vivo e si preannuncia senza esclusione di colpi. Almeno a giudicare dai toni che iniziano ad accendersi sui social, nel tentativo di screditare (da una parte e dall’altra) i candidati che corrono alla poltrona di primo cittadino.

Il post dei Cittadini solidali per Basiglio

Il Gruppo Consiliare Cittadini solidali per Basiglio inizia a tirare stoccate pesanti. In un post pubblicato nei giorni scorsi, gli esponenti di centrodestra scrivono: “Eccola qui il vicesindaco della fallimentare Officina che si candida come sindaco alla ricerca della verginità perduta, con una lista con un nome originale: Insieme. Davvero pensa che potrà ancora coglionare chi ingenuamente l’ha votata solo per azzerare il Pgt? Questa tizia, vicesindaco dannoso e silente, ha votato in giunta le costruzioni previste nell’ex golfino”. Il post continua con un elenco (che inizia, punto per punto, con “questa tizia ha fatto”) delle opere approvate dalla giunta in carica, tra cui “300mila mq di cemento”.

Le reazioni al post

“Al di là delle considerazioni politiche, un linguaggio del genere non dovrebbe appartenere a nessuno, meno ancora a chi pensa di governare una città”, ha commentato qualcuno sui social. “La maleducazione è aver diffuso in passato volantini diffamatori contro la famiglia dell’ex sindaco, a opera dell’Officina”, rispondono i “Cittadini solidali per Basiglio”. “Basta con la politica degli insulti e delle aggressioni. Attacchi violenti e sessisti contro una candidata: inaccettabile. Basiglio ha bisogno di un confronto politico costruttivo e pulito”, ha sottolineato una cittadina. “Per verginità perduta si intende politica di chi si propone come paladina del popolo dopo averlo illuso e gabbato”, aggiunge Andrea Pastore, consigliere comunale di opposizione.  La candidata sindaco Lidia Reale commenta con due parole: “Attacco inqualificabile”.

Francesca Grillo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente