Giornale dei Navigli > Attualità > Proposta approvata: Adam e Ramy sono cittadini italiani
Attualità, Politica Naviglio grande -

Proposta approvata: Adam e Ramy sono cittadini italiani

Dopo diatribe politiche durate mesi, il Consiglio dei ministri ha approvato la proposta.

Adam e Ramy cittadini italiani

Proposta approvata: Adam e Ramy sono cittadini italiani.

Proposta approvata: Adam e Ramy sono cittadini italiani

Via libera del Consiglio dei ministri per la proposta di concedere la cittadinanza italiana a Adam El Hamami e Ramy Shehata, i due alunni della scuola media Vailati di Crema che con coraggio avevano chiamato i soccorsi e sventato la strage di Ousseynou Sy, grazie all’intervento immediato dei carabinieri della Compagnia di San Donato. Il 47enne senegalese aveva preso in ostaggio il bus scolastico per poi dargli fuoco, poco prima di dirigersi verso Linate, secondo il suo piano stragista.

Salvini: “I due ragazzi hanno reso eminenti servizi al nostro Paese”

Adam e Ramy, “per meriti speciali”, sono cittadini italiani. Dopo diatribe politiche durate mesi (la vicenda risale al 20 marzo, quando i ragazzini erano riusciti a chiamare il 112 dall’autobus) il Consiglio dei ministri ha approvato la proposta. Il leghista Matteo Salvini, che a un certo punto sembrava contrario alla proposta, ha concluso l’iter con una relazione che sottolinea invece come “con il loro coraggioso comportamento i due ragazzi abbiano reso eminenti servizi al nostro Paese”.

LEGGI ANCHE

 Autobus incendiato, la Procura chiede il rito immediato per l’autista

 Chi è Ousseynou Sy, autista autobus in fiamme che aveva pianificato il sequestro

TORNA ALLA HOME PER LE ALTRE NOTIZIE DI OGGI

RESTA AGGIORNATO SU TUTTE LE NOSTRE NOTIZIE! COME?

Segui la nostra pagina Facebook ufficiale Giornale dei Navigli: clicca “Mi piace” o “Segui” e gestisci impostazioni e notifiche in modo da non perderti più nemmeno una notizia!

torna alla home

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente