Giornale dei Navigli > Attualità > 50 infarti in 6 giorni, giovane mamma salvata da medico meratese
Attualità San Donato -

50 infarti in 6 giorni, giovane mamma salvata da medico meratese

Incredibile intervento del professor Carlo Pappone al Policlinico di San Donato Milanese.

50 infarti in 6 giorni

50 infarti in 6 giorni, giovane mamma salvata da medico meratese.

50 infarti in 6 giorni, giovane mamma salvata da medico meratese

E’ balzata agli onori della cronaca (il Corriere della Sera ha dedicato alla vicenda un ampio articolo), la storia, fortunatamente a lieto fine di una 31enne che ha visto la morte in faccia. La donna, madre da soli tre mesi, che è stata sottoposta ad un incredibile intervento chirurgico. Ciò dopo una impressionante serie di attacchi di cuore.

Giovane mamma salvata dopo 50 infarti in 6 giorni

Come riportano i colleghi del giornaledilecco.it a salvare la vita alla donna, e a regalare un futuro insieme al marito e alla sua creatura, è stato il professor Carlo Pappone,  gia’ primario dell’Unità operativa di Aritmologia dell’Istituto scientifico universitario San Raffaele di Milano, residente da qualche anno in villa Lurani a Cernusco. Il luminare, che oggi è responsabile dell’unità di Aritmologia clinica ed elettrofisiologia del policlinico San Donato, ha eseguito proprio a San Donato un  incredibile intervento che non era ma stato effettuato sino ad oggi. La donna, trasportata da Napoli (dove si trovava in vacanza) a Milano, è stata in sala operatoria per ore.

La paura e la rinascita

Un intervento che definire difficile è un eufemismo. Dopo l’operazione, perfettamente riuscita, il coma e la paura. Ma ora mamma Katia si è svegliata ed è pronta a vivere una nuova vita grazie al luminare di Cernusco. “Sono felice di avere la possibilità, insperata, di crescere mia figlia, dopo che all’improvviso alcune cellule del mio cuore sono impazzite” ha detto la mamma al Corriere.

Il professor Pappone

Il dottor Pappone è un vero e proprio pioniere nel campo della terapia chirurgica in ambito cardiaco. Specializzato in aritmie, vanta al suo attivo oltre 150mila interventi. Sotto i suoi ferri sono passati anche personaggi celebri, da Albano Carrisi a Paolo Berlusconi, ma anche persone meno popolari, tutte accomunate dallo stesso problema congenito.

Il medico dei record

Nel maggio 2006 il professore con casa a Cernusco ha effettuato una delicatissima operazione al cuore. Niente di particolare, dirà il lettore, se non fosse che Pappone si trovava a Boston, circa 6000 chilometri dall’ospedale San Raffaele di Segrate, dove era ricoverato il suo paziente. Nel 2015 porta a termine con successo un’altra impresa. Concretizza infatti un nuovo e futuristico metodo che si avvale dell’uso di due robot che, girando per le corsie ospedaliere, gli permettono di controllare i suoi pazienti da qualunque parte del mondo, sia egli a Boston, a Ravenna o nel salotto di Villa Lurani, dove da anni risiede.

Esperto nella sindrome che probabilmente ha ucciso capitan Astori

Non solo ma il dottor Pappone ha inventato un approccio innovativo nei confronti della sindrome di Brugada. Si tratta del killer cardiaco che causa quasi il 20% delle morti improvvise sotto i quarant’anni d’età. La stessa che con tutta probabilità ha ucciso il capitano della Fiorntina Davide Astori. Il medico ha infatti scoperto come disinnescare il micidiale ordigno, facendo sì che il difetto, tendenzialmente genetico, non si manifesti più nel paziente.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Articolo precedente
Articolo precedente